Barbecue a gas per il mio terrazzo

barbecue a gas per il mio terrazzo

La settimana scorsa ho comprato un bbq a gas e l’ho subito posizionato sul mio terrazzo, in un angolo parzialmente coperto. In questo modo posso fare una grigliata anche se fa freddo, perché sono al coperto. Ho acquistato un modello alimentato a gas perché questa tipologia di barbecue si accende molto rapidamente, può cucinare ogni pietanza e mi permette di cucinare sia sulle griglie e sia sulla piastra, ma anche a fiamma diretta, se necessario. In questo modo posso cuocere in tanti modi diversi i cibi e renderli ancora più saporiti, per il massimo piacere culinario!

Le griglie differiscono dalle piastre perché utilizzano materiali alternativi. La griglia è quasi sempre realizzata in ghisa oppure anche in acciaio ed è caratterizzata dalla presenza di un apposito manico fatto per girare gli alimenti senza rischiare scottature.

La pietra naturale, detta anche pietra lavica, è invece il materiale adottato per la costruzione delle piastre e sono ideali per le grigliate di carne o di pesce.

Tra i vantaggi principali di questo tipo di bbq è la capacità di mantenere i cibi caldi molto più di quanto non si possa fare con altri modelli. Una delle pecche, invece, è che di solito questi bbq sono abbastanza costosi ed hanno un prezzo più alto della media.

A parte quest’ultimo aspetto, il mio giudizio è estremamente positivo perché è semplice da utilizzare, immediato nel montaggio e molto rapido nella cottura delle pietanze. Un vero piacere per tutti i commensali.

Vantaggi del bbq a gas

Voglio sottolineare questo fatto: rispetto ad un bbq a carbonella tradizionale, ora riesco a preparare i miei cibi con rapidità, proprio perché il gas ha una efficienza maggiore e richiede tempi minori per raggiungere la temperatura operativa.

Le operazioni da eseguire per la cottura consistono in pochi passi: si aziona il bruciatore, che ha il compito di diffondere il calore. Non deve uscire fumo, questo aspetto è importante. Un prodotto di qualità sarà in grado di cucinare quasi in assenza di fumi.

La fiamma viene erogata costantemente, perché per cucinare gli alimenti è necessario che il calore si mantenga sempre uniforme.

Con il barbecue gas posso sfruttare tutto il piano della piastra e della griglia per cucinare.

La manutenzione necessaria per il barbecue

Per pulire correttamente, basta seguire poche regole, molto semplici da ricordare: per prima cosa, devi attendere che si raffreddi in modo da poter grattare i residui di carne, di verdura o di pesce che si fossero depositati sulla griglia o sulla piastra. Ma presta attenzione a non aspettare troppo tempo, altrimenti diventerà molto difficoltoso rimuovere lo sporco.

Cerca di mantenerlo sempre ben pulito e, se decidi come ho fatto io, di lasciarlo in balcone all’aperto, cerca di proteggerlo riponendolo sotto una tettoia oppure coprilo con un telo di plastica per proteggerlo dalla pioggia e dalle intemperie.

Non dimenticare, poi, di controllare l’assenza di perdite di gas, la presenza di una quantità sufficiente a cucinare e di sostituire la bombola prima che si esaurisca completamente.